PROGETTO SPAZIO ESPOSITIVO MOSTRE ARTISTI CONTATTI  
 

landscapes
Landscapes, 2009

 

Stefano Romano

Nasce a Napoli nel 1975, vive e lavora tra Bergamo e Tirana (Albania).
Frequenta l’Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo e subito dopo inizia a lavorare come Assistente di Adrian Paci, presso l’Accademia di Belle arti di Bergamo (cattedra di pittura). Nel 2002 partecipa a numerosi eventi: .Org, in Boston Cyberarts Festival, Coolidge Corner Theatre, Boston U.S.A; Mulhouse 002, Parc des Expositions de la Ville de Mulhouse, Mulhouse, Francia. Nel 2003 partecipa al concorso Onufri, Galleria Nazionale, Tirana Albania, a cura di Genc Mullici e Gëzim Panariti. L’anno dopo crea 1.60insurgent space, uno spazio d’indagine artistica e curatoriale nelle aree urbane finalizzato alla realizzazione di mostre che interrogano e si interrogano sugli spazi trovati, “coo-curate” di volta in volta da Stefano Romano e da diversi curatori o artisti. Viene invitato a partecipare a numerose mostre collettive: La nuova generazione artistica in Italia, Assab One, Ex GEA, Milano, Italia, a cura di Roberto Pinto; Exit, Institute of Contemporary Art, Peje Kossovo, a cura di Erzen Shkololli; Da lontano era un’isola, La fabbrica del vapore e C/O careof, Milano, Italia; per la prima volta alla The Yugoslav Biennial of Young Artist, Centre for Contemporary Arts, Vrsac/Belgrade Serbia and Montenegro, a cura di Sinisa Mitrovic, Ana Nikitovic, Jelena Vesic.
Nel 2005 è invitato alla Biennale di Tirana 3 – episodio 2, complesso Villa Goldi, Tirana, Albania, a cura di Roberto Pinto.
Nel 2006 espone alla mostra collettiva Traveling light, Chelsea Art Museum, New York, USA, a cura di Julia Draganovic, Videopassages, cafè Saint George via Torino, Milano Italia, (progetto a cura di C/O careof a cura di Mario Gorni e Simona Bordone, selezione a cura di Roberto Pinto); Every revolution is a throw of dice, Loggia della Mercanzia, Genova Italia, a cura di Elvira Vannini.
Lo stesso anno è co-fondatore e curatore assieme a Edi Muka, Gezim Qendro, Joa Ljungberg, Tina Finnas, Monica Melin del T.I.C.A. (Tirana Institute for Contemporary Art) a Tirana. Oggi il T.I.C.A. è co-diretto da: Tina Finnas, Joa Ljungberg, Edi Muka, Stefano Romano. Sempre nel 2006 viene invitato in Macedonia, a Shtyp per curare il workshop Open doors, che indaga la situazione dell’arte negli spazi pubblici.
Nel 2007 insieme a Filippo Berta è il fondatore del CUNS, progetto di riflessione sul sistema “arte”; partecipa alla mostra In Contemporanea numero 1, Triennale – Cadorna, Milano Italia, a cura di ViaFarini e nel 2008 organizza Reworking dissent, workshop evento satellite della 4° ed. della Biennale di Goteborg, con studenti dalle accademie di Goteborg, Bergamo e Tirana e scuola di fotografia di Goteborg, Svezia e, partecipa alla Fama_fame/fame_hunger, Het Wilde Weten, Rotterdam Olanda, a cura di Daniele Pario Perra, Roberto De Luca, Giancarlo Norese; Same democracy. Pratiche artistiche e curatoriali nell’era dell’open source culture, galleria neon>campo base, Bologna, a cura di Marinella Paderni e Elvira Vannini; Storie, galleria viamoronisedici, Bergamo. Lo stesso anno presenta la sua personale Segmenti.1 - 220, alla galleria Placentia Arte, a Piacenza. Nel 2009 realizza 4 ways to, progetto di riflessione sulla nascita e la realizzazione di un’opera d’arte, galleria Zenit, Tirana, Albania e, in seguito la sua prima retrospettiva in Italia Tremilaseicentocinquantagiorniunalinea, a Careof, Milano, a cura di Chiara Agnello e Alessandra Pioselli e nel 2010 presenta la personale stuck in a paradox, I start to shave myself presso Chan art gallery, Genova. Attualmente svolge il ruolo di Tutor, presso l’Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo.

<

 
    / viamoronisedici spazioarte / C.F. 95169470168 / Copyright © 2008 tutti i diritti riservati /

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _