PROGETTO SPAZIO ESPOSITIVO MOSTRE ARTISTI CONTATTI  
 

1.00.51 1.00.51
1.00.51, 2009                       Foto del set di 1.00.51



Giovanni De Francesco

Bergamo 1976. Vive e lavora Milano, Italia.
Nel 1997 partecipa a Ultime Notizie (a cura di Anna Daneri ed Enrico De Pascale), pressola Galleria d'Arte Contemporanea, Bergamo, e nel 1998 alla mostra collettiva Giramondo, Galleria Luisa delle Piane, Milano.
Nel 1999 forma insieme a Barbara Cicolari, Christopher Evans e Cinzia Laganà “Toxine” il gruppo di lavoro White Industry: autoLINEE, White Industry crew, Cortometraggio, produzioni Tox-in sub Bergamo, e lo stesso anno riceve Special Mention al Corto Imola Festival.
Nel 2000 realizza OGR, video musicato, Tour "Sinfonia Ferrodolce", White Industry crew, produzione Officine Shwartz, Torino.
Nel 2002 è assistente scenografo e art director sul set del film Lo scippo di Massimo De Pascale, (presentato nella sezione giovane fuori concorso al Festival del Cinema di Torino nel 2001).
Nel 2004/2005 è ospite del Prof. Andrea Branzi nel Laboratorio di Interni Facoltà del Design del Politecnico di Milano per l’intervento Marionette contemporanee, Milano.
Nel 2005 lavora per Sculture di scena, per la Tempesta di William Shakespeare, regia di Ferdinado Bruni e Francesco Frongia, teatro dell’Elfo, Milano e lo stesso anno realizza: la mostra des yeux (a cura di Anna Daneri), alla Galleria Careof, Milano; Talk to the city, progetto di affissione pubblica, Careof, Milano.
Nel 2006 realizza un’intervento pittorico in diretta per Occhi di diamante durante il brano Stabat Mater di Angelo Miotto (teatro dell’Elfo, produzione Sentieri Selvaggi), Milano.
Nel 2008 Realizza: scene e costumi per Storia di Ermengarda di Marta Poggi, regia di Nicola Russo, Teatro India, Roma; modelli/sculture di cera per Casa Madre di Andrea Branzi, modello di co-housing integrale presentato al Padiglione Italiano della Biennale di Architettura di Venezia; Bambole, sagome e disegni per 6 cartoni animati per Anfitrione da Heinrich von Kleist, regia di Massimiliano Cossati, Casa Circondariale Dozza di Bologna; Disegna le illustrazioni e la locandina dello spettacolo teatrale Dare al buio (la fine l’inizio), Teatro I di Milano; realizza scene e costumi per Storia dell’oca di M. M. Bouchard, regia di Nicola Russo, Sondrio. Nel 2009 Collabora con: Paradise Found della designer Betony Vernon come consulente grafico e artistico per l’immagine del marchio; OK*AM di Daniela Gregis come consulente artistico e progettista di allestimenti e regie per il marchio (principali allestimenti: Galleria Luisa delle Piane di Milano, daDriade, Alessi, Bulthaup, Triennale di Milano, Oratorio della Passione di Milano, Egg a Londra, Ma Salle à Manger e galerie Frederic Moisan a Parigi).
Nel 2009 realizza alcune mostre personali: 1:00:51, presso la galleria viamoronisedici/spazioarte, Bergamo; 1:02:19, al MAT (Museo Arte Tempo), Clusone e Short Visit (a cura di Paola Gallio e Davide Tommaiuolo), Milano. Nello stesso anno partecipa alla mostra collettiva Dritto e Rovescio alla Triennale di Milano.

<

 
    / viamoronisedici spazioarte / C.F. 95169470168 / Copyright © 2008 tutti i diritti riservati /

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _